Awards and recognitions

 

– Mostra “Appassionote” – un progetto in collaborazione con l’amica fotografa Martina Padovan  sulla danza e la musica.

– Mostra “Lei con Lei” – personificazioni Donna e Natura – personale presso la prestigiosa villaVecelli Cavriani di Verona.

– Mostra “Andromeda” – progetto in collaborazione con Camilla Buin – connubio tra immagini e testi in prosa, un viaggio introspettivo che spazia tra diversi sentimenti dell’animo umano.

***********************

– TIFA award  – Tokyo international photography award – 1° classificato people life style – 2° classificato events music e 2 menzioni d’onore in categoria ritratto

– MONO award – International black and white photography – 5 menzioni d’onore in categoria ritratto e paesaggistica

IPA Award 2016 – International Photography Award – 2° classificato Advertising music e menzione d’onore social causes – Fotografia selezionate come Best of Show ed esposta a New York, Filippine, Cina ed al Photovisa in Russia.

FIIPA 2016 – Italy international photography award – 2° e 3° classificato categoria ritratto.

MIFA award – Moscow international photography award – tre menzioni d’onore categoria ritratto e concettuale

– Finalista al concorso nazionale della fototeca Manfrediana con esposizione presso il salone delle bandiere di Faenze.

– 2° classificato al concorso indetto dal comune di Verona sul carnevale.

– Concorso naturalistico “Flavio Cristini” – 2° classificato e 2 menzioni d’onore.

– Concorso “Mantova creativa” – Finalista ed esposizione

– Portfolio con vari scatti selezionati da VogueItalia e presenti sul sito Vogue/photovogue

***********************

– Selezionato dalla redazione dalla celebre rivista fotografica Lens Culture in occasione del Portrait award 2016 e scrive sui miei lavori che ho presentato: “Michele, grazie per aver condiviso queste immagini belle e molto ben realizzate, che rivelano una grande versatilità tecnica ed espressiva, e una spiccata eleganza compositiva e nell’uso della luce.Tra questi cinque scatti, alcuni di essi hanno anche una profondità concettuale, mentre in altri – pur essendo comunque ottime immagini – la componente estetico-formale è prevalente. Personalmente, ritengo che “88 ed un infinito” sia lo scatto più intrigante, soprattutto per la felice sintesi tra rigore compositivo e creatività; l’espediente del riflesso sugli occhiali per mostrare le mani del ragazzo sulla tastiera è un’idea davvero raffinata. “Parole inascoltate” è pure uno scatto molto intrigante, surreale e fantasioso, e sarebbe bello vederne altri dello stesso genere. Per quanto riguarda le altre immagini, “The dancer” ed “Elegante vanità” riecheggiano le atmosfere rarefatte di fotografi come David Hamilton e Jan Saudek; sono entrambe ottime prove di eleganza formale: in the “The dancer”tutti gli elementi concorrono ad esprimere efficacemente la leggiadria della ballerina; in “Elegante vanità” è molto raffinata la palette dei toni caldi e scuri che hai utilizzato, e l’elemento delle piume è un espediente visivo d’effetto.
“Mostrami chi dimostri” è invece caratterizzata da un approccio stilisticamente diverso rispetto a tutti gli altri scatti, non solo per l’uso del bianco e nero ma anche per via della luce abbastanza dura. Dal punto di vista espressivo, l’elemento portante del ritratto è lo sguardo della modella, di grande intensità.
Queste foto, nel loro insieme rivelano appunto la tua versatilità, che sicuramente è una grande dote, soprattutto in ambito professionale.Per quanto riguarda invece la tua ricerca artistica, io trovo interessante la strada di “Parole inascoltate”: la situazione surreale e un po’ fiabesca che hai creato in questa immagine sembra evocare un mondo affascinante, che vale la pena di esplorare. Complimenti per il tuo talento e buon lavoro!